Adottare un bimbo non è più così complesso

Adottare un bimbo non è più così complesso

di Sebastiano Simonazzi e Sara Vaccari

Adottare un bambino è un grande gesto d’amore e oggi è diventato un po’ più semplice grazie ad alcune agenzie specializzate come ad esempio N.A.A.A. onlus che si occupa in particolare di adozioni internazionali in luoghi come l’Honduras, il Vietnam o la Russia.

Chi scrive ha provato sulla sua pelle questa avventura e oggi posso dire di essere felice con un nuovo fratello con cui condividere tante esperienze.

Ecco le procedure.

Dopo la richiesta di adozione bisogna aspettare alcuni anni, poi c’è un periodo di colloqui e compilazione di documenti, infine bisogna compiere due viaggi necessari per conoscere il bambino, fare nel paese di provenienza i documenti e poi portarlo finalmente a casa.

Nel primo viaggio di 2 settimane si conosce il bambino e nel secondo più lungo di 45 giorni si fanno tutte le procedure amministrative e si completa l’adozione.

In questi due viaggi si viene costantemente aiutati da assistenti dall’agenzia, ma bisogna ammettere che soprattutto all’inizio ci si sente un po’ spaesati.

Però durante questi viaggi si conoscono tante persone e si vivono momenti emozionanti.

Ora ho un fratellino di 3 anni e da adesso in poi la nostra vita cambierà ma la scelta che abbiamo fatto ci porterà più felicità.

Frafra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *