Coronavirus, la nostra città è diventata zona rossa

Coronavirus, la nostra città è diventata zona rossa

di Matteo Melecchi

A causa dell’aumento dei casi positivi di Coronavirus nella nostra città, da domenica 8 marzo al 3 aprile Reggio Emilia e altre 13 province, oltre alla Lombardia, sono diventate zone rosse. Questo significa che non ci si può più spostare in altre province e che rimangono chiuse palestre, piscine, musei, centri culturali, cinema, teatri e discoteche. I centri commerciali aprono solo dal lunedì al venerdì e i bar e i ristoranti chiudono alle 18. Le scuole, invece, restano chiuse in tutta Italia fino al 3 aprile.

Il Covid-19 è una malattia contagiosa provocata da un virus, che si è scoperta agli inizi dell’anno a Whan, in Cina. Le sue origini sono ancora sconosciute, come è ancora da scoprire il vaccino.

Questo virus è arrivato circa 3 settimane fa anche in Italia a Codogno (in provincia di Lodi) e nel giro di pochi giorni si è diffuso soprattutto in Lombardia, Veneto (a Vò Euganeo) e in Emila Romagna (a Piacenza).

Il virus è arrivato anche a Reggio Emilia e ieri le persone contagiate erano 70, 22 in più rispetto al giorno prima.

A livello nazionale, ieri i contagiati erano 6387, tra cui 650 in terapia intensiva (1326 in più del giorno precedente), i morti erano 366 (133 in più del giorno precedente) e siamo diventati il secondo paese per numero di decessi dopo la Cina, ma i guariti sono saliti a 622. La situazione ad oggi è critica, perché non si riesce a fermare l’epidemia e anzi i casi continuano ad aumentare. Il problema grosso è ora quello dei posti in ospedale in terapia intensiva, perchè cominciano a scarseggiare. Alcuni malati sono stati trasferiti in altri ospedali, ma speriamo che non si arrivi a dover scegliere se salvare una persona o l’altra.

In Cina, invece, da qualche giorno stanno diminuendo i contagi e i morti e questo vuol dire che le misure adottate dal loro Paese sono state efficaci.

Le misure di sicurezza da adottare per evitare nuovi contagi sono: lavarsi spesso le mani, stare a distanza di almeno un metro dalle persone e soprattutto evitare di andare in luoghi affollati e nei negozi, se non in caso di necessità (ad esempio per fare la spesa).

Ora la diffusione del contagio dipende da noi!

Frafra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *